fbpx
aida tecnica di copywriting

Una delle più potenti tecniche di copywriting: Aida

Ciao! E’ bello trovarti qui!

Se non mi conosci lascia che mi presenti al volo.

Mi chiamo Silvia Mangini e sono una digital strategist e blogger.

Aiuto professionisti e aziende a comunicare efficacemente online grazie all’inbound marketing, al web design e al copywriting.

Oggi ti parlo di AIDA, una delle più potenti tecniche di copywriting.

Se penso a AIDA la mia mente vola immediatamente a Rino Gaetano, ma non è quella la Aida di cui voglio parlarti oggi.

Aida è una delle più conosciute tecniche di copywriting, sicuramente tra le prime che si imparano quando ci si avvicina alla scrittura pubblicitaria e se non la conosci è ora di rimediare.

Caffè alla mano e si parte!

Aida: Azione, Interesse, Desiderio e Azione

Aida è un acronimo che sta per:

  • Attenzione
  • Interesse
  • Desiderio
  • Azione

Ma cosa significa nel concreto?

Vediamolo in un attimo.

Catturare l’attenzione

La headline, il titolo del tuo testo, è ciò su cui devi concentrarti per catturare l’attenzione del tuo lettore.

Se il titolo non è aggancia chi legge, tutti i tuoi successivi sforzi saranno vani.

Come si scrivono titoli attrattivi? 

Si potrebbe creare un intero blog solo per rispondere a questa domanda.

Prova a partire osservando le altre pubblicità che trovi in rete. 

Da cosa sono caratterizzate per la maggiore?

Te lo dico io.

Da domande.

Vuoi migliorare il tuo inglese? 

Vuoi finalmente perdere peso ed essere pronta per la prova costume? (purché sia pessima, quante volte l’abbiamo sentita?)

Stanco di non ottenere risultati con gli approcci tradizionali e cerchi la soluzione definitiva per portare traffico al tuo sito web?

Tutte queste domande hanno due cose in comune: 

  • sollevano l’attenzione del lettore perché parlano al cuore delle sue frustrazioni
  • sono tutte domande retoriche

Se stai studiando Inglese risponderai certamente si alla domanda: vuoi migliorare il tuo inglese?

Una volta agganciato il lettore, devi mantenere alto il suo livello di attenzione.

Qui entra in gioco l’interesse.

Come stimolare l’interesse

Per stimolare l’interesse devi conoscere bene le caratteristiche del tuo lettore di riferimento. 

Devi conoscere i suoi desideri, frustrazioni, paure e sogni.

In questa fase cruciale del tuo copy dovrai usarli per mostrarti vicino a lui, e indirettamente, per collegare la soluzione dei suoi problemi, o la realizzazione dei suoi desideri, all’acquisto del tuo prodotto.

Tornando all’esempio dell’inglese un modo per stimolare l’interesse del lettore potrebbe essere:

Probabilmente ti senti incapace per aver concluso l’ennesimo corso e non essere ancora in grado di mantenere una conversazione di base. 

Magari provi un forte senso d’ansia se uno straniero ti si avvicina per chiedere indicazioni. 

Ho una cosa importante da dirti. 

Non è colpa tua. 

Fino ad oggi hai usato un metodo di apprendimento sbagliato.

Vorresti finalmente superare questo scoglio?

Lascia che ti presenti il metodo che ho creato e che mi ha permesso di padroneggiare la lingua in soli 4 mesi di studio partendo quasi da zero.

Un copy di questo genere fa leva sui sentimenti del lettore tipico che studia inglese senza migliorare: la frustrazione e l’ansia.

Dopo aver catturato l’attenzione con la headline, questo genere di discorso mantiene alto il livello di interesse perché parla al cuore dei sentimenti del lettore.

Arrivati a questo punto dovrai accendere il desiderio per il tuo prodotto.

Come?

Mostrando come grazie al tuo corso di inglese e al suo metodo particolare il lettore riuscirà finalmente ad apprendere la lingua superando i limiti incontrati prima.

Accendere il desiderio

In questa fase entra in gioco la promessa del copy. 

Per riuscire a convincere chi legge della bontà del tuo prodotto dovrai promettergli che riuscirà a risolvere tutti i suoi problemi e che migliorerà la sua vita in qualche modo.

Grazie al mio metodo già 10.527 persone negli ultimi 3 mesi hanno iniziato a padroneggiare la lingua aprendosi infinite opportunità di lavoro e abbandonando finalmente il senso di inadeguatezza. 

Adesso ce l’hai, devi solo passare alla call to action finale. 

La chiamata all’azione

Arrivato alla fine del tuo copy dovrai solo invitarlo esplicitamente a comprare il tuo prodotto. 

Acquista oggi il corso X ed entra a far parte della più grande community italiana di studenti di Inglese 

(Si ok potevo fare di meglio qui ma hai capito il senso del discorso)

Per poter essere più incisivo puoi far leva sulla scarsità del prodotto o sull’urgenza di comprare entro una data specifica per ottenere uno sconto, ma questo è il senso della chiamata all’azione finale. 

Critiche ad Aida e conclusioni

Bene, questa è Aida ed è una delle più potenti tecniche di copywriting. 

Ora che la conosci probabilmente smetterai di pensare solo a Rino Gaetano come me!

Aida ha subito delle critiche nel corso degli anni che vengono dall’evoluzione stessa del concetto di marketing. 

Si tende sempre di più a preferire un approccio meno aggressivo alla vendita, basato sulla fiducia e sulla soddisfazione del consumatore.

Far leva sulle emozioni al fine di indurre un certo comportamento è l’aspetto persuasivo del copywriting. 

Che piaccia o meno parlare di persuasione, la comunicazione pubblicitaria, ma anche quella politica, sono interamente basate su tecniche persuasive più o meno aggressive, che a loro volta nascono dallo studio della psicologia e delle neuroscienze.

Una volta studiate, sta a noi capire come utilizzarle. 

Conoscerle sicuramente ci spinge a osservare il mondo con occhi più critici e a ragionare di più sui “bisogni” che crediamo di percepire.

Pensaci bene la prossima volta che ti viene voglia di comprare cioccolata! 

Scherzo, io ne mangio a volontà! (fondente però)

Conoscevi Aida? 

La userai nei tuoi testi?

Se sei un aspirante copywriter magari possono interessarti questi articoli che ho scritto per i copy in erba:

Che cos’è il copywriting

Come realizzare il tuo primo portfolio da copywriter. Il segreto svelato

Le quattro domande che devi assolutamente farti per scrivere un buon copy

Ti aspetto nei commenti o sui miei social con dubbi e domande!

Se ti interessano i temi dell’inbound marketing, web design e copywriting iscriviti alla mia newsletter! 

Scrivo veramente di rado lì ma con grande piacere!

Un abbraccio, Silvi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This